Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 ottobre 2012 1 01 /10 /ottobre /2012 19:49

I SOCIALISTI E LE PRIMARIE:UNA PROPOSTA UNITARIA

Da Bruxelles il segretario del PSI, compagno Nencini, che ha sempre la mia ammirazione e il mio rispetto per aver assunto l'onere di guidare il PSI, anche se raramente sono stato d'accordo politicamente con lui, ha annunciato che alle Primarie il PSI avrebbe sostenuto Bersani. Una posizione legittima e probabilmente maggioritaria nel Partito, forse addirittura unanime se le primarie fossero ad un turno: Renzi rappresenta un'opzione centrista di continuismo con la politica impopolare del montismo, oltre che essere un antisocialista viscerale. Avrei preferito che in omaggio allo Statuto, che avesse dichiarato che avrebbe proposto alla Direzione convocata per il 4 ottobre di sostenere Bersani. Molto prima avevo predisposto un documento che proponeva che si riunisse l'area socialista che comprende il PSI, ma che non si esaurisce nel PSI per discutere se fosse opportuna una candidatura socialista alle primarie. Tutte le opzioni restano aperte. Il PSI, come unico membro italiano del PSE ( pur temporaneamente sospeso dal diritto di voto) e dell'Internazionale socialista ha il compito di favorire l'aggregazione di tutti quei socialisti, che hanno in comune l'obiettivo di costruire anche in Italia il Socialismo Europeo. Se a riunione era aperta sarebbe stato meglio, ma credo che il PSI sia in grado di motivare la sua scelta di sostenere Bersani, che nel PD rappresenta la posizione più in sintonia con un'opzione socialdemocratica, e quindi di convincere le altre sensibilità socialiste. In questo senso e con questo spirito mantengo il documento aperto a sottoscrizioni e integrazioni. Segue il testo:

Le Primarie e i Socialisti

Nelle nostre file, e con questo intendo l’area socialista larga -  di cui il PSI è parte essenziale (appartiene al PSE e all’Internazionale Socialista) e imprescindibile  ma che non la esaurisce -, ci sono atteggiamenti molto differenziati sulle primarie, compreso un rifiuto di principio.

In effetti, gli istituti provenienti da altri ordinamenti politici e costituzionali sono come gli organi in caso di trapianto: spesso non compatibili. Tuttavia, stanno segnando profondamente questa fase politica e si proietteranno sull’intero periodo che ci separa dalle elezioni del 2013.

Non si conosce ancora la legge elettorale e soltanto con il porcellum ha un senso l’indicazione del capo della lista o della coalizione come virtuale futuro Primo Ministro, come se di fatto non esistessero le prerogative presidenziali fissate dall’art. 92 della Costituzione.

L’indicazione del futuro Premier è poi legata all’abnorme premio di maggioranza, svincolato da ogni soglia in voti e seggi e perciò di dubbia costituzionalità (Corte Costituzionale sentenze n.15 e 16 del 2008). Per completare il desolante quadro istituzionale, non si conoscono le regole delle primarie e neppure chi le debba adottare.

Sono partite come primarie di coalizione per individuare il miglior candidato di un centro-sinistra, ma sono diventate, di fatto, una contesa per la leadership del PD, partito che ha finora espresso almeno 5/6 candidati, di cui uno, il Sindaco di Firenze , nella veste di sfidante ufficiale.

Non importa che un sindaco sia ineleggibile: per fare il primo Ministro non occorre essere parlamentari (se hai l’età giusta ti possono sempre fare senatore a vita) e, a legge elettorale invariata, per essere indicato come capo della lista o coalizione non è necessario essere candidati alla Camera o al Senato.

Non si sa se saranno primarie aperte ai passanti o a truppe cammellate, ovvero a elettori registrati come votanti del centro-sinistra, come prevedrebbe l’istituto originale, che è statunitense e non sovietico.

Non si sa se saranno a uno o a due turni, pur essendo il fatto decisivo per i comportamenti elettorali.

Ebbene, malgrado tutte queste premesse, sono un fatto politico, e un fatto politico rilevante che non può essere ignorato se si ha un ruolo da giocare o uno spazio da conquistare.

Tutti concordano nell’esistenza di una dimensione europea prevalente, tanto che ci si fanno scrivere lettere dall’Europa.

Tutti sanno che non c’è una soluzione nazionale alla crisi, se vogliamo stare nella zona Euro e contrastare le speculazioni dei mercati: speculazioni, tra l’altro, le cui regole possono essere date soltanto a livello internazionale, neppure solo europeo, ma almeno atlantico,  dal nome dell’oceano che divide la borsa di Londra da quella di Wall Street e la Fiat dalla Chrysler.

Eppure, l’integrazione del sistema politico italiano in quello europeo è scarsa. Nel PPE stanno partiti in competizione tra loro in Italia e nel PSE sta il solo PSI, mentre PD e SEL ne sono formalmente fuori, benché il problema non sia quello di un’affiliazione, ma di riconoscersi pienamente in una storia e in un sistema di valori, quello del socialismo democratico, verso il quale la sinistra italiana, eccezione nel panorama europeo, appare avere una certa idiosincrasia o essere  particolarmente allergica.

Nei gruppi dirigenti di PD e SEL, i loro stati maggiori, la presenza socialista non c’è e comunque non è visibile o percepibile nelle proposte programmatiche.  Questo vuoto va colmato nell’interesse del Centro-sinistra che nel raccordo con il fronte progressista e di sinistra europeo, maggioritariamente rappresentato dai partiti del PSE, deve avere uno dei suoi punti di forza. 

Se si impongono questi temi e riflessioni, l’area socialista italiana ha molto di più da dire delle semplici proposte di rottamazione di una classe politica, che ormai è concepita come composta da tanti Lusi, Belsito e Fiorito.

 L’offensiva neo-liberista ha come obiettivo la destrutturazione del welfare state , un modello di economia sociale di mercato, sul quale si fonda la coesione sociale: chi la può contrastare a livello continentale se non quelle forze che  l’hanno conquistata in un secolo di lotte politiche, sindacali e sociali, e in unione con loro?

Portare questo messaggio, cioè la necessità di una scomposizione e ricomposizione della sinistra nel segno di un diverso e più ugualitario modello di sviluppo, ecologicamente compatibile e come attuazione del titolo III Rapporti economici della  Parte Prima della Costituzione, sarebbe la prova   della forza  rivoluzionaria  di un  riformismo determinato e intransigente.

Nenni ci ricordava sempre che le idee camminano sulle gambe degli uomini e quindi dovremmo, come socialisti nell’accezione più ampia, dovunque ci troviamo o siamo stati, chiederci se è opportuno che un esponente socialista sia candidato alle Primarie del centro- sinistra. Una decisione in tal senso presuppone un riavvicinamento tra le varie anime del mondo socialista, nella consapevolezza che bisogna unire chi lo è stato, chi lo è, ma soprattutto chi lo vorrà essere  in futuro, per sempre, für ewig.

La ricomposizione  e il rinnovamento non  sono riusciti con la Costituente Socialista, anzi, ne è seguita una spirale di reciproca delegittimazione. È il momento di invertire la rotta.

Se saremo capaci di decidere insieme sulla presenza socialista nelle Primarie, sarà poi più semplice individuare le procedure per l’individuazione del candidato, che per qualità politiche,  integrità personale  e capacità di suscitare consenso nell’opinione pubblica possa rappresentare al meglio una storia e valori, la cui scarsa presenza ha indebolito la sinistra italiana. La questione socialista non è la questione del destino personale dei socialisti, ma di quello politico della sinistra italiana nel suo complesso, compresa quella che non ne ha ancora preso coscienza.

24 settembre 2012

Giuseppe Tamburrano, Presidente Fondazione. Nenni

Felice Besostri, DN PSI

Marilena Arancio, Segretaria gruppo di Volpedo

Antonio Matasso, DN PSI, Coord. Segreteria  Regionale PSI Sicilia

Giuseppe Sarno, “Quaderni Socialisti”

Ilda Rosa Sangalli Ridmiller, CN PSI, Esec. Fed. Trento

Francesco Somaini, Presidente Cicolo Rosselli Milano

Carmelo G. Nucera, CN PSI

Gianluca Capra, Segretario Sez. PSI Montella(AV)

Angelo Reppucci, Coerd. Sez. PSI Avellino

 

Condividi post

Repost 0
Published by Psimontella - in Politica
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : partito socialista montella
  •  partito socialista montella
  • : Partito Socialista Italiano Sezione "Ferdinando Cianciulli" di Montella
  • Contatti

Profilo

  • Psi montella
  • Aderente al Network per il Socialismo Europeo
  • Aderente al Network per il Socialismo Europeo

Testo Libero

Archivi

Link