Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
22 dicembre 2011 4 22 /12 /dicembre /2011 14:16

Spunta il mini condono nella manovra finanziaria della regione Campania. Di bilancio si parlerà domani nell'apposita commissione, ma la novità arriva con la presentazione di un emendamento da parte del Pdl che consentirebbe la possibilità di condonare gli abusi edilizi commessi prima dell'entrata in vigore del piano casa e cioè il 2009. Si potranno sanare i piccoli abusi: aumenti volumetrici non oltre il 35%. Per fare questo, però, bisognerà pagare un 20% in più di oneri di urbanizzazione.


Fonte: IRPINIAOGGI

Repost 0
Published by Psimontella
scrivi un commento
22 dicembre 2011 4 22 /12 /dicembre /2011 08:30

 

 

 

Paese mio sei grande di natura

Un fiume ti lambisce con dolcezza

Alti sulla collina tre comuni

Son testimoni della tua fierezza.

 

Qui di passaggio il Povero di Assisi

A gente di lavoro e di preghiera

Nello splendore della tua natura

Lasciò i segni di una fede vera

 

Dal Sacro Monte il Cristo Redentore

Pel popol tuo devoto con costanza

Contro la grave angoscia dell’ignoto

Alimentò la sete di speranza

 

Alle tue spalle il Monte Sassetano

Colle sue coste a guisa di guerriero

Da sempre immoto per la tua difesa

Simboleggiata da quel gran maniero

 

Un altro monte sacro e leggendario

I padri tuoi accolse con amore

Sconfitti dalle aquila romane

Ma sempre vivi e pieni di valore

 

Per tramandarle a tutti i figli tuoi

Tali virtù gelosa custodisti

Grazie Montella per quello che ci desti

Ciro 

Repost 0
Published by Psimontella - in pensieri in libertà
scrivi un commento
21 dicembre 2011 3 21 /12 /dicembre /2011 19:32

Pertini.jpg

Repost 0
Published by Psimontella
scrivi un commento
21 dicembre 2011 3 21 /12 /dicembre /2011 19:22

previsioni.jpg

 

Osservando attentamente la GFS MTG valida per il periodo natalizio, noteremo come il Nord Italia potrebbe essere protetto dall'asse discendente dell'alta pressione europea, mentre il Centro-Sud, soprattutto il versante adriatico, dovrebbe risentire direttamente degli effetti della nuova irruzione artica: non si esclude, infatti, che tra il 24 ed il 26 dicembre in tali regioni vi possano essere anche delle nevicate a quote basse, oltre a piogge e venti freddi. In definitiva potremmo avere nel corso del periodo natalizio un'Italia divisa in due, con il Settentrione baciato da un sole freddo con gelate diffuse, e il Centro ma soprattutto il Sud con tempo freddo ed instabile, penalizzato da precipitazioni e nevicate a quote collinari.

 

 

per info: http://meteointernet.blogspot.com/

 

Aurelio Basile
 

Repost 0
Published by Psimontella
scrivi un commento
20 dicembre 2011 2 20 /12 /dicembre /2011 15:57

«Credo che nessuno di noi si aspettasse miracoli da Monti. Ma le misure prese sono molto più inique e squilibrate socialmente di quello che forse qualcuno si aspettava. E’ una manovra che colpisce, per far cassa, la parte più debole del paese, quella che ha già pagato tanto in termini di riduzione di diritti sociali, di precarietà, di abbassamento del tenore di vita. Non c’è traccia di una vera imposta patrimoniale che vada a riequilibrare il dato vergognoso di un 10% della popolazione che è in possesso del 45% della ricchezza.
E’ una manovra recessiva (e questo non farà che ri-scatenare la speculazione), che mette il paese in ginocchio.
Quindi i socialisti non possono che stare in prima fila contro questa politica. Ma ci devono stare non per fare la solita lagna di sinistra che non serve a niente, ma per aiutare a dare uno sbocco positivo nel senso della costruzione di un progetto di riformismo forte socialista alla deriva attuale.
Per questo oggi è essenziale il pieno sostegno alla CGIL della compagna Camusso perché è l’unico punto di riferimento di chi vuole fare una battaglia di sinistra; ma non di una sinistra qualunque: di una sinistra incardinata in una prospettiva di socialismo democratico. Per questo motivo occorre che il malcontento non sia gestito da forze demagogiche (Lega e Di Pietro) e che SeL si mobiliti (pur con i suoi limiti organizzativi) a sostegno della Cgil.
Ma al tempo stesso occorre costruire un rapporto serio con l’ala del PD che certo non si entusiasma per Monti. Penso non solo a Fassina, ma anche a Damiano.
Stamattina un autorevole dirigente del PD mi diceva che comunque difficilmente il partito uscirà indenne da questa fase che ridisegna probabilmente la geografia politica nazionale.
Insomma il governo Monti accentua la crisi e le profonde contraddizioni del PD.
Ho sempre detto che la rottura del PD è la via maestra per ricostruire una sinistra con una chiara identità socialista democratica, con il grosso di SeL e l’area socialista dispersa.
Ma dobbiamo riconoscere che la situazione attuale è il corollario di una profonda crisi della politica che ha caratterizzato tutta la II Repubblica; non solo per colpa del centrodestra, ma anche del centrosinistra.
Alla fine degli anni 80 avevamo in Italia una sinistra al 45% (solo la somma tra PCI e PSI giungeva al 41%). Nel 1996 (vittoria dell’Ulivo) la sinistra era al 30% (-15 rispetto a dieci anni prima). Nel 2006 era al 25%. La scomparsa del Psi si è sentita eccome, insieme alla migrazione a destra di vasti settori di elettorato popolare ed operaio.
Il carattere moderato e centrista del CS di Prodi e D’Alema è in larga parte frutto di questo declino inarrestabile della sinistra politica. Si cercò di porre rimedio a questo declino con la “Cosa 2”. Ma il suo aborto paradossalmente spinse sempre di più i Ds verso quella deriva centrista che ha poi dato origine al PD.
Ma tale deriva è stata favorita dall’assenza di un progetto seriamente socialdemocratico. L’alternativa alla deriva a destra dei Ds infatti è stata rappresentata dal bertinottismo. E dalla subcultura che ha prodotto: un sinistrismo movimentista senza progetto, fondato sulla proiezione mediatica del leader (e quindi su una personalizzazione esasperata), che esiste e si riproduce solo per denunziare la magagne dei “riformisti” . Intendiamoci di questo sinistrismo è stato interprete non solo Bertinotti, ma su altri piani, i “girotondini” , i verdi di Pecoraro Scanio.
Insomma centrismo strisciante veltroniano e sinistrismo insieme hanno congiurato per liquidare ogni prospettiva di sinistra di governo.
Per cui nel 2008 abbiamo da un lato il PD a “vocazione maggioritaria” (che però si carica Di Pietro) e dall’altro il confuso sinistrismo dell’Arcobaleno. La disfatta della sinistra era inevitabile.
L’esperienza storica serve anche per non commettere gli stessi errori. Per ricostruire una sinistra di governo nel socialismo europeo (dopo mi soffermerò) si dovrà uscire dai circoli viziosi del passato recente.
Oggi il PD ha una componente moderata molto forte. In essa non ci sono solo gli ex DC , ma una parte considerevole di post-comunisti: Veltroni, Morando, Ichino, Fassino, più D’Alema ed i suoi fedelissimi (soprattutto al sud). La feudalizzazione del partito (dove governa soprattutto) ha prodotto al demo cristianizzazione di fatto di molti post-comunisti. Così come sono molti (ma già l’abbiamo visto) gli ex comunisti diventati “liberal”.
Questa area centrista del PD (insieme al III Polo) è quella più entusiasta del governo Monti, perché esso favorisce l’aggregazione di una grande forza centrale (la DC del XXI secolo) arbitro della politica.
Le difficoltà di Bersani si comprendono. Se si arrivasse ad una scissione nel PD, l’ala sinistra non prenderebbe più del 15% dei voti. Sommati a quelli di SeL si arriverebbe intorno al 20% (faccio proiezioni molto arbitrarie sia ben chiaro). Ma probabilmente oggi tanto è il peso della sinistra. Se comunque questa nuova sinistra nasce su un chiaro progetto socialdemocratico avrebbe la capacità di espanderli partendo da una base non proprio disprezzabile.
Abbandonando la fanta-politica, è comunque evidente che se la sinistra del PD (Bersani, Damiano, Fassina) non desse battaglia proprio ora, essa verrebbe risucchiata in un vortice da cui sarebbe impossibile uscire fuori.

Ma si può aiutare questa parte del PD se ci si impegna (e SeL dovrebbe farlo in prima persona) in direzione del PSE. Ho già parlato della convenzione del Pse a Bruxelles e della conferma del pieno superamento del blairismo. E del chiaro ritorno di un progetto socialdemocratico.
I problemi che abbiamo di fronte sono di natura europea e solo a livello sovranazionale possono essere affrontati e risolti alla radice. Oggi il Pse è l’unica forza della sinistra in grado di costruire una alternativa organica al neoliberismo su scala continentale. La sinistra neocomunista è archeologia; altre forze della sinistra radicale rappresentano anche pezzi importanti di  società (in alcuni paesi), ma hanno vocazione minoritaria, possono essere alleati ma è difficile prospettare una strategia comune.
In SeL ho visto pezzi importanti dare grosso significato all’adesione al Pse. Altri sono recalcitranti ed ancora pensano di poter costruire arcobaleni. Altri vogliono le elezioni subito (e magari con questa legge) perché pensano di poter  essere eletti in parlamento.
Vendola è persona saggia e sa che è più importante ricostruire la sinistra che approfittare di un vantaggio virtuale.
Ma anche lui deve sciogliere il nodo Pse nel più breve tempo possibile. Proprio per stanare e stimolare la sinistra del PD. Da questo punto di vista io ed altri compagni (per quel che può valere); socialisti iscritti a seL ci faremo promotori di un documento dei socialisti in SeL per chiedere l’adesione del partito al PSE.
E comunque la situazione attuale richiede che quel patto di unità di azione tra le associazioni dei socialisti di sinistra sia al più presto attivato.

Peppe Giudice

 

Network Per il Socialismo Europeo

Repost 0
20 dicembre 2011 2 20 /12 /dicembre /2011 15:52

Sono una settantina i detenuti che in provincia di Avellino potranno beneficiare delle nuove norme del governo sul fronte dello svuotamento dei penitenziari italiani. Secondo quanto deciso dal Guardasigilli Severino, gli ultimi 18 mesi di detenzione potranno essere scontati ai domiciliari. Nel carcere di Bellizzi Irpino sono 50 le persone su 520 detenuti che beneficeranno del nuovo dispositivo. Una ventina, invece, quelli tra i carceri di Sant'Angelo dei Lombardi e Ariano Irpino.

fonte Irpiniaoggi

Repost 0
Published by Psimontella - in Alta Irpinia
scrivi un commento
19 dicembre 2011 1 19 /12 /dicembre /2011 12:37

Ieri nella splendida cornice della Villa de Marco a Montella è stato presentato il nuovo libro di Carlo Ciociola:

 

 

"1861-2011

150° Anniversario dell'Unità d'Italia"

 

La manifestazione ha visto la presenza di un folto numero di partecipanti ed è proseguita con la visita alla mostra allestita, sempre presso la Villa De Marco, sui pittori e la numismatica ripercorrenti le tappe dell'Unità d'Italia.

 

374.JPG

 

 377.JPG

Repost 0
Published by Psimontella - in Eventi e manifestazioni
scrivi un commento
19 dicembre 2011 1 19 /12 /dicembre /2011 12:19

Per non dimenticare:


 

 


Repost 0
Published by Psimontella - in pensieri in libertà
scrivi un commento
19 dicembre 2011 1 19 /12 /dicembre /2011 12:14

Tratto dal Corriere dell'Irpinia

 

BAGNOLI - Freddo e neve arrivano anche in Irpinia. Con i primi fiocchi, comunque, giunge anche qualche polemica, soprattutto sul Laceno, dove ieri mattina si sono registrati i primi segnali di disagio. Quelli legati al sistema di viabilità, andato in tilt. Causa le basse temperature un centimetro di neve si è ghiacciato ed ha reso impossibile l'accesso al Lago Laceno. I moltissimi visitatori e turisti della domenica, che solitamente arrivano al Laceno, sono rimasti bloccati per strada a causa del ghiaccio e non hanno potuto raggiungere la località montana. Nonostante l'immediata attivazione degli operatori locali e delle forze dell’ordine. Disagi che hanno anche costretto i turisti a fare marcia indietro. In particolare tenendo conto dei rischi legati alla mancanza di sale e di spazzamento delle strade.  

Era da tempo che si aspettava la neve per poter dare finalmente inizio alla stagione invernale 2011/2012, ma non vi è stata alcuna programmazione da parte delle istituzioni, nonostante i vari allerta meteo di questi giorni, per garantire il facile accesso all'unica località sciistica della regione che già con i primi fiocchi aveva mobilitato tante persone che attendevano questa nevicata.

«Stamattina ho ricevuto le prime segnalazioni da clienti e dalle attività associate» afferma Gerardo Stabile, presidente del Consorzio Laceno, «che da subito hanno segnalato tali difficoltà, e pertanto abbiamo immediatamente allertato i Carabinieri e la locale polizia municipale che hanno prontamente provveduto a contattare l'Ente Provincia, responsabile della viabilità, che non ha ritenuto necessario intervenire. Ci auguriamo che tale primo disservizio sia l'occasione per programmare un adeguato servizio per quest'inverno e per le prossime festività, in maniera tale da garantire serenità e sicurezza ai turisti e la garanzia, in questo periodo di crisi, di lavoro per le strutture ricettive del Laceno».

Neve e pioggia hanno creato disagi anche in altre aree dell’Irpinia. In particolare nella zona dell’Alta, ma anche nell’area arianese. Allagamenti, alberi con rami pericolanti e tutti i disagi creati da vento e pioggia, hanno fatto il resto. E le previsioni non fanno ben sperare per le prossime ore. Almeno fino a giovedì continueranno ad affluire ulteriori impulsi artici, che terranno in vita un regime ciclonico sulle regioni centro-meridionali. L'alta pressione troverà più difficoltà del previsto a distendersi verso l'Italia, ma a metà settimana il meteo dovrebbe volgere al miglioramento con temperature in rialzo. 

 

 

Repost 0
Published by Psimontella - in Alta Irpinia
scrivi un commento
18 dicembre 2011 7 18 /12 /dicembre /2011 20:29

Il 20 dicembre 2006 si spegneva Piergiorgio Welby giornalista e scrittore simbolo del diritto all'autodeterminazione del malato.

Sua moglie e l'Associazione Coscioni sono pronti a dare battaglia sul testamento biologico.

I Socialisti di Montella tramite il proprio capogruppo al comune, Salvatore Cianciulli, nel consiglio comunale del 27 novembre 2009 chiesero per iscritto al sindaco Capone l'Istituzione del Registro Comunale del Testamento Biologico.

Il sindaco rigettò la nostra proposta.

La nostra battaglia, che noi riteniamo una battaglia di civiltà, non si è mai fermata e ritorneremo sicuramente sulla questione nei prossimi mesi. 

 Di seguito riportiamo il Testo dell'interrogazione comunale del 27/11/2009.


"Istituzione del Registro Comunale del Testamento Biologico. Il Testamento biologico è un documento con il quale una persona, dotata di piena capacità, esprime la sua volontà circa i trattamenti ai quali desidererebbe o non desidererebbe essere sottoposta nel caso in cui, nel decorso di una malattia o a causa di traumi improvvisi, non fosse più in grado di esprimere il proprio consenso o il proprio dissenso informato. Di questi documenti si discutono in letteratura le diverse possibili tipologie (alcune delle quali hanno ottenuto in alcuni paesi un riconoscimento giuridico). Per far acquisire rilievo pubblico (anche se non necessariamente legale) a questi documenti viene richiesto che essi siano redatti per iscritto, che non possa sorgere alcun dubbio sulla identità e sulla capacità di chi li sottoscrive, sulla loro autenticità documentale e sulla data della sottoscrizione e che siano eventualmente controfirmati da un medico, che garantisca di aver adeguatamente informato il sottoscrittore in merito alle possibili conseguenze delle decisioni da lui assunte nel documento. E’ auspicabile che il sottoscrittore indichi una scadenza temporale per la conferma e/o il rinnovo della sua Dichiarazione, fermo restando il diritto di revocare o parzialmente cambiare le sue disposizioni in qualsiasi momento. E’ inoltre da ritenere che spetti esclusivamente alla decisione di chi compila tali documenti stabilire le modalità della loro conservazione, il numero di copie autentiche da produrre e l’individuazione dei soggetti ai quali affidarli per la custodia e per la loro eventuale esibizione e utilizzazione. E’ opportuno che il legislatore predisponga, per coloro che lo richiedano, una procedura di deposito e/o registrazione presso un’istituzione pubblica delle dichiarazioni anticipate. Si ritiene altresì opportuno che i sottoscrittori stabiliscano, ove tali documenti vengano poi effettivamente utilizzati nei loro confronti, se il loro contenuto possa essere reso di dominio pubblico. In assenza di un riferimento legislativo , facciamo riferimento ai casi giudiziari e nello specifico a quello di Eluana Englaro che ha dimostrato che la volontà precedentemente espressa ha valore. Per questo motivo chiediamo a te ed alla tua amministrazione Signor Sindaco se intendi dare seguito a questa nostra richiesta, ed eventualmente se c’è la disponibilità della amministrazione a portare la discussione di questo punto in Consiglio Comunale. (Allego schema di delibera di giunta e schema di testamento biologico)"

In memoria di Welby.

Repost 0
Published by Psimontella - in Attività amministrativa
scrivi un commento

Presentazione

  • : partito socialista montella
  •  partito socialista montella
  • : Partito Socialista Italiano Sezione "Ferdinando Cianciulli" di Montella
  • Contatti

Profilo

  • Psi montella
  • Aderente al Network per il Socialismo Europeo
  • Aderente al Network per il Socialismo Europeo

Testo Libero

Archivi

Link