Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
30 novembre 2011 3 30 /11 /novembre /2011 13:08

20111129203223_oliviero-gennaro_320.jpg

 

Il Presidente del Gruppo PSI in Consiglio Regionale, Gennaro Oliviero, ritorna nuovamente sulla politica del PresidenteStefano Caldoro nei confronti delle Comunità Montane. «Parole senza alcun senso e mancanza di assoluto rispetto perle nostre Comunità Montane: siamo in presenza di un atteggiamento irriguardoso e inadeguato che rischia davvero di mettere in serio rischio l’esistenza per il prossimo anno delle attività che andavano ad assicurare un necessario servizio alle zone interne della Regione Campania» «Parole, parole parole....soltanto parole tutte a intero scapito delle nostre Comunità Montane le quali attendono dal lontano mese di Aprile una risoluzione definitiva rispetto anche agli impegni che ufficialmente, nel tempo, durante i numerosi incontri svoltisi, anche alla presenza dell’Uncem Campania, dove i diversi Assessori intervenuti avevano fornito tutte le rassicurazioni del caso». «Duole constatare che si continua a sfuggire alle proprie responsabilità, le attività degli enti montani non possono essere valutate come un semplice costo oggetto di tagli illogici e indiscriminati. Le Comunità Montane rappresentano la presenza delle istituzioni regionali all’interno del vasto territorio interno della Regione Campania. Un territorio da salvaguardare per la conservazione del paesaggio e la tutela degli ecosistemi». «L’attuale situazione è stata creata dalla pessima gestione di Caldoro e annunciamo battaglia attraverso una proposta legislativa che anche altri colleghi consiglieri regionali hanno aderito, condividendo le preoccupazioni che da tempo cerco di denunciare».

 

Ringraziamo il consigliere regionale PSI Gennaro Oliviero per il suo impegno riguardo la vertenza Comunità Montane 

Condividi post
Repost0
28 novembre 2011 1 28 /11 /novembre /2011 10:23

MONTELLA - E’ sempre più spaccatura tra le organizzazioni sindacali e i forestali della Terminio Cervialto di Montella. Venerdì mattina, nel corso di un incontro andato di scena presso la sede dell’ente, le organizzazioni sindacali hanno gettato le basi per l’organizzazione dello sciopero che vedrà domani i forestali marciare verso la sede del consiglio regionale. 

Ciro Rosania
, il forestale protagonista qualche settimana fa di uno sciopero della fame, venerdì si è sentito attaccato dai sindacalisti. 

«Non mi sono piaciute certe dichiarazioni - afferma -Qualche sindacalista ha detto che il mio modo di fare avrebbe messo in cattiva luce i sindacati e che avrei spaccato il fronte dei lavoratori. Tutte falsità. Cosa hanno fatto i sindacati finora? Dove erano quando facevo lo sciopero della fame? Ci hanno preso in giro già abbastanza, ora basta».

Domani Rosania non parteciperà allo sciopero di Napoli. 
«Continuerò il presidio davanti la sede della Terminio insieme ad alcuni colleghi. Non ho nessuna intenzione di essere protagonista dell’ennesima sfilata dei sindacati». 

Rosania non sarà a Napoli, ma parteciperà il 1 dicembre all’incontro con il Prefetto Ennio Blasco.«Continueremo a difendere la nostra dignità di lavoratori - conclude - Nove mesi senza stipendio sono troppi».

La settimana prossima, intanto, il Consiglio generale della Terminio Cervialto si riunirà per l’approvazione del consuntivo 2009, l’unica strada per attivare le anticipazioni di cassa con cui pagare le prime mensilità ai lavoratori. Di fatto, un passaggio propedeutico.
Non solo forestali però. Il 2 dicembre, infatti, saranno i dipendenti della funzione pubblica a scioperare. 

 

da Il Corriere dell'Irpinia 

Condividi post
Repost0